Novità

Il Pipistrello di Versailles, di Gianfranco Manfredi C’ero una volta io. Ero un Princi ...     PRIMO ALLATTAMENTO DI UN PIPISTRELLO Come allattare per la prima volta u ...     Africa, i maggiori esperti di pipistrelli a convegno Bat ambientalisti provenienti da tu ...     Sistematica dei chirotteri I chirotteri rappresentano l’ordi ...     Oasis, al via il Premio Internazionale di Fotografia Naturalistica Sono aperte le iscrizioni alla nuov ...     Alla Parsec, una bat night per conoscere i pipistrelli Due appuntamenti, Venerdì 1 agosto ...    

Lo sapevate che… i pipistrelli

• sono gli unici mammiferi che volano.

• Si chiamano col nome scientifico Chirotteri, dal greco antico “cheiropteros”, una parola composta da “cheir” (mano) e “pteròn” (ala).

• sono presenti sulla Terra da ben 52 milioni di anni

• sono a rischio estinzione e per questo, dal 1939 sono protetti per legge e ne è vietata l’uccisione, la vendita e la detenzione.

• se entrano in casa basta spegnere la luce, aprire la finestra, lasciare la stanza e.. se ne vanno da soli!

• non si attaccano ai capelli.

• sono tra i mammiferi più diffusi al mondo e vivono dappertutto, tranne che ai Poli.

• in Italia sono presenti con ben 34 specie conosciute, tra cui il pipistrello albolimbato, il pipistrello di Savi, il pipistrello Nano, l’Orecchione e il Molosso di Cestoni.

• nel mondo sono presenti con oltre 1232 specie (aggiornato al 2008).

• quelli italiani sono insettivori.

• sono creature timide ed inoffensive.

• quelli italiani hanno una lunghezza media tra 3 e 11 cm.

• non si costruiscono il nido ma vivono, in gruppo, all’interno di rifugi comuni chiamati roost (grotte, cavità degli alberi, fessure dei muri).

• non sono ciechi e usano gli occhi per vedere.

• hanno anche un sistema di ecolocalizzazione basato sull’emissione di ultrasuoni che permette loro di evitare gli ostacoli anche al buio grazie all’eco di ritorno.

• di giorno riposano ed escono la notte per andare a caccia.

• in una sola notte riescono a mangiare fino a 2000 insetti grandi come una zanzara.

• al ritorno da una notte di caccia arrivano a pesare anche tra il 25% e il 50% in più.

• a novembre si ritirano nel rifugio invernale e vanno in ibernazione.

• in primavera si trasferiscono nel rifugio estivo, a volte a centinaia di km da quello invernale.

• partoriscono in estate, di solito un solo piccolo e raramente due

• le mamme pipistrello hanno un forte istinto materno e allattano i piccoli per circa un mese.

• in caso di pericolo, mamma pipistrello riesce a trasportare volando un piccolo che pesa più della metà del suo peso.

• non è detto che colonizzino subito le BAT-BOX ed è necessario lasciarle almeno 3 anni nella stessa posizione.

• sono ottimi bioindicatori della qualità ambientale, cioè dove vivono loro vuol dire che si vive bene.

• in Italia, oltre all’uomo, tra i suoi predatori ci sono falchi, barbagianni, corvi, ghiri e gatti.

• non appartengono all’ordine dei roditori e quindi non sono “topi volanti”.

• non succhiano il sangue come i vampiri anche se in Centro e Sud America esistono tre sole specie ematofaghe (sulle oltre le 1232). Di queste tre, due Diaemus youngi, Diphylla ecaudata si nutrono di sangue di rettili o uccelli mentre solo uno Desmodus rotundus di sangue di mammiferi incidendo la pelle del bestiame e nutrendosi del sangue, senza lasciare grosse conseguenze sull’animale.

• ad Austin, in Texas, vivono in una colonia di oltre 4 milioni di individui.

2 Commenti

  1. daniela m. lupoi

    Grazie per le notizie utilissime, anche per nn temerli più. È utilissimo sconfiggere le false credenze che generano timori solo dannosi.

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: