Novità

Alessandra Tomassini, una vita per i pipistrelli di Marco D’Amico – A co ...     I pipistrelli Frugivori Ecolocalizzano? Parlando di scienza, specialmente d ...     Raro pipistrello salvato in mare a Forte dei Marmi Un esemplare raro di pipistrello sa ...     Pipistrello, di Alda Merini Nella notte, mago del cielo, in vol ...     Spelaion 2013. Gocce di storia… con uno sguardo speciale ai Chirotteri La speleologia incontra l’archeol ...     La vita segreta dei pipistrelli, di Danilo Russo Danilo Russo, ricercatore di fama i ...    

il più piccolo e il più grande

Vista la diversità di habitat occupati, non sorprende che i chirotteri esibiscano anche un’ampia diversità di forme e adattamenti. La loro massa corporea varia da meno di 2 g del pipistrello calabrone (Craseonycteris thonglongyai) a più di 1 kg in alcuni pipistrelli come ad esempio in Pteropus giganteus che supera 1,5 kg  – le rispettive aperture alari vanno da 10 cm a circa 2 metri. Anche l’alimentazione è molto variabile: oltre agli insettivori, che si nutrono di insetti e altri artropodi (anche scorpioni) esistono chirotteri che si nutrono di pesci, anfibi, rettili, uccelli, mammiferi (incluse altre specie appartenenti all’ordine), nettare, frutta, polline e occasionalmente di foglie, semi e anche di sangue.

 

http://www.lifeslittlemysteries.com/images/i/520/original/bumblebee-bat-02.jpg

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: