Novità

Il bat-robot che si infila tra le macerie Piccoli robot pipistrello che sorve ...     bat box erroneo posizionamento Molti di voi ci chiedono spesso inf ...     Gufi e pipistrelli in aiuto ai bambini africani Jonathan Haw, biologo sudafricano c ...     Il ferro di cavallo maggiore a Villa Ada Che emozione gente! La notizia è ...     “Un Natale per la natura”, LIPU in piazza l’1 e il 2 dicembre Un Natale per la Natura” torna sa ...     I pipistrelli, cosa significa quando li sogniamo GENTILI UTENTI,  in molti ci scriv ...    

Le notti di luna piena spaventano i pipistrelli

La luce della luna spaventa i pipistrelli e li induce a nascondersi nelle ombre. E’ questo il risultato di una nuova ricerca i cui dati, raccolti dallo studio del comportamento pipistrello provenienti da tutto il mondo, sono stati analizzati dagli scienziati riunitisi in Messico con il compito di provare quella che è stata definita di “fobia lunare ” o “paura della luna”.
Lo studio ha provato che l’attività dei pipistrelli che vivono in habitat di notti luminose diminuisce rispetto a quella dei pipistrelli che vivono in luoghi più scuri. Ciò può essere spiegato con “un più alto rischio di predazione e la mancanza di prede di cui cibarsi nelle notti di luna piena”.
I risultati sono stati pubblicati nella rivista Mammalian Biology e rappresentano ciò che gli scienziati hanno chiamato “la prima valutazione attendibile del fenomeno fobia lunare”.
Lo studio ha riunito una vasta gamma di ricerche riguardo “come questi animali notturni si comportano e interagiscono con la luce della luna”.
“La prova che l’attività dei pipistrelli è diminuita con sempre maggiore intensità di luce lunare era contraddittoria, ed è per questo che abbiamo deciso di effettuare questa ricerca,” ha detto l’autore principale dello studio, il signor Romeo Saldana-Vazquez, biologo presso la National Autonomous University del Messico, aggiungendo che “l’effetto della luna sulle attività dei pipistrelli non era stato mai notato, nonostante l’esistenza di informazioni accumulate in oltre 20 anni di ricerche in diverse parti del mondo”.
Gli scienziati hanno monitorato l’attività dei pipistrelli a diverse latitudini e in habitat diversi, rispetto alle fasi della luna sulla base di dati concerrnenti circa 26 specie provenienti da 11 differenti tipi di studi.
L’analisi ha concluso che la “fobia lunare” è “comune tra i pipistrelli e ha mostrato che la riduzione dell’attività nel chiaro di luna cambia a seconda del tipo di habitat.
“L’habitat dove la luce entra più facilmente provoca più bat-attività e diminuisce rispetto a quei pipistrelli che si alimentano nei luoghi più oscuri”, ha detto Saldana-Vazquez.
Lo studio ha anche evidenziato come le specie che sono in cerca di cibo sopra specchi lacustri e sotto la volta della foresta mostrino una fobia lunare molto più accentuata rispetto a quelli che vivono in habitat protetti.
A detta degli scienziati ciò “può essere dovuto al fatto che, a con la luce della luna, questi pipistrelli possono essere più facilmente individuato dai predatori”.
Un altro fattore potrebbe essere che “le prede dei pipistrelli ‘diventano più scarse quando non c’è più luce”.
Gli scienziati hanno anche notato un “fobia lunare” più forte in quei pipistrelli che vivono più vicino all’equatore, anche se questo potrebbe essere stato causato da differenze tra le specie di pipistrelli e dei loro ecosistemi, piuttosto che dalla luminosità della luna nelle regioni tropicali.
E’ stato anche notato che i pipistrelli che volano sopra le cime degli alberi non tendano a diminuire la loro attività su più luminose notti e secondo il Sig. Saldana-Vazquez “ciò è possibile perché questi pipistrelli tendono a volare velocemente e vivono in climi temperati dove i pipistrelli hanno meno predatori.
“Pensiamo che questo studio posssa contribuire a riaprire il dibattito circa l’esistenza di un modello diffuso”, ha aggiunto Saldana-Vazquez. Lo scienziato spera anche che le questioni sollevate dallo studio diano quella spinta necessaria affinchè la questione sia oggetto di ulteriori indagini.
Ad esempio si spera che “valutare la densità di predatori e prede negli studi dei pipistrelli durante le attività di ricerca del cibo possa fornire ulteriori delucidazioni sul meccanismo che sta dietro la riduzione dell’attività dei pipistrelli durante le notti di luna piena e dei possibili meccanismi che sono alla base della evoluzione di questi comportamenti , “ha concluso Saldana-Vazquez.

Per ulteriori informazioni:
http://www.bbc.co.uk/nature/19719986
http://www.theglobeandmail.com/life/facts-and-arguments/even-bats-are-scared-of-the-moonlight/article4766545/

 

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: