Novità

Raro pipistrello salvato in mare a Forte dei Marmi Un esemplare raro di pipistrello sa ...     Australia, il caldo fa strage di volpi volanti Nel Queensland del nord un’on ...     Le turbine eoliche mettono a rischio anche i pipistrelli Le turbine eoliche possono rapprese ...     “Lui chi è”, a Roma un corso per riconoscere i volatili Quante volte abbiamo creduto di ave ...     In Polonia un bunker che ospita 37mila pipistrelli La Ostwall, linea di difesa creata ...     Pipistrelli: superstizione, curiosità, cinema, letteratura e sogni  di Marco D’Amico – I ...    

Nuova colonia di pipistrelli nel Parco dell’Asinara

E’ stata scoperta quasi per caso ma e’ la piu’ importante colonia di Chirotteri fin ora conosciuta per tutte le isole circum sarde. E’ una colonia di rinolofo minore Rhinolophus hipposideros, un piccolissimo pipistrello che ha  scelto una casa di Cala d’Oliva sull’isola dell’Asinara come area di riposo e sito di riproduzione. Scegliere il Parco Nazionale dell’Asinara per impiantare una grande colonia però non è un caso, per questo piccolo pipistrello: è evidente che l’ambiente integro e la garanzia di conservazione posta in essere da oltre un decennio dall’Ente Parco, siano ideali per la vita e la conservazione della specie e per la biodiversita’. Lo specialista in chirotteri Mauro Mucedda, consultato dai tecnici del Parco, ha effettuato un attento sopralluogo ed ha determinato la specie. Il rinolofo minore e’ lungo circa 4 cm, pesa non più di 5 grammi e può vivere sino a 20 anni. La femmina partorisce solo un piccolo che pesa circa 1 grammo. La sua vulnerabilità è dovuta al fatto che si ciba di insetti e ragni, che sono in diminuzione per l’uso indiscriminato di diserbanti. Questo mammifero è tutelato dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE, che protegge gli habitat naturali della flora e della fauna nel territorio europeo; il pipistrello è inserito tra gli animali più a rischio di estinzione, così come la foca monaca, il gatto selvatico e la balenottera. Per questi animali è vietata qualsiasi forma di cattura o uccisione, il disturbo durante la riproduzione, la distruzione dei siti di riposo e delle colonie. Ora che Cala d’Oliva si pone su un livello di importanza nazionale di assoluto rilievo per questa specie, sarà compito preciso dell’Ente Parco e del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale gestire e proteggere il sito, per evitare che venga vanificata questa importante scoperta.

Fonte: ttp://www.parcoasinara.org/

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: