Novità

CHIRecuperO: il primo convegno sul recupero di chirotteri in Italia English Gli Organizzatori sono liet ...     Cosa significa fare volontariato con “Tutela pipistrelli” Scriviamo questa nota perché è be ...     Mano Alata, una vita da … so (g) nar L’Associazione Arkus, con il ...     Perù, catturato pipistrello gigante Alcuni militari dell’esercito del ...     Il pipistrello Divo e la mamma “umana” I pipistrelli sono creature timide ...     Il pipistrello è simbolo di rinascita Il pipistrello è il simbolo della ...    

Nuovo genere di pipistrello identificato in Sud Sudan

I ricercatori hanno identificato una nuova specie di pipistrello, dopo aver scoperto un esemplare raro in Sud Sudan. La scoperta è stata fatta presso il Bangangai Game Reserve da DeeAnn Reeder, Professoressa Associata di Biologia ed esperta di Chirotteri di fama internazionale, presso il “Fauna & Flora International (FFI)” assieme ad Adrian Garside ed ai ricercatori del Ministero della conservazione della fauna selvatica e del turismo del Sud Sudan.

“La mia attenzione è stata subito attirata da questa specie straordinariamente bella che si distingueva dalle macchie e dalle strisce, e che ricordava un tasso. Era chiaramente un animale molto straordinario, che non avevo mai visto prima e ho subito compreso che sarebbe stata la scoperta di una vita”, ha ricordato Reeder.

Dopo il ritorno negli Stati Uniti, la Reederha determinato che il pipistrello era quello originariamente catturato nella vicina Repubblica Democratica del Congo nel 1939 e nominato Glauconycteris superba.

“Dopo un’attenta analisi, si è potuto chiaramente comprendere che non appartiene ad una specie già esistente”, ha detto Reeder. “il suo cranio, le sue ali, le sue dimensioni, le orecchie, letteralmente tutto ciò che si guarda non si adatta. Abbiamo dunque capito che è così unico che si è sentito il bisogno di creare una nuova specie, un nuovo genere.”

Nel documento, “Un nuovo genere per un raro pipistrello Vespertilionid africano: spunti dal Sud Sudan” appena pubblicato dalla rivista ZooKeys e scritto dalla Reeder assieme ai suoi co-autori della Smithsonian Institution e dell’Università islamica in Uganda, si legge che questo pipistrello è stato dunque collocato all’interno di una nuova specie – Niumbaha. La parola significa “rari” o “insolito” in Zande, la lingua del popolo Azande in Western Equatoria State, in cui il pipistrello è stato catturato. Il pipistrello è solo il quinto esemplare del suo genere mai raccolto, e il primo in Sud Sudan, che ha ottenuto l’indipendenza nel 2011.

“Per me, questa scoperta è significativa perché mette in luce l’importanza biologica del Sud Sudan e suggerisce che questa nuova nazione ha molte meraviglie naturali ancora da scoprire. Il Sud Sudan è un paese che ha molto da offrire e molto da proteggere”, ha detto Matt Rice, direttore regionale della FFI del Sud Sudan che sta usando la sua vasta esperienza di lavoro nei paesi in conflitto e post-conflitto per assistere il governo del Sud Sudan per fare in modo che si ristabilisca quanto prima un settore per la conservazione della fauna selvatica del paese e che contribuisca anche a riabilitare le aree protette attraverso la formazione e lo sviluppo del parco, lo sviluppo del personale, delle infrastrutture, la fornitura delle attrezzature e, infine, il sostegno anche del lavoro di ricerca.
La ricerca del gruppo in Sud Sudan è stata reso possibile da una concessione $ 100.000 che Reeder ha ricevuto dal Fondo Woodtiger. La fondazione privata di ricerca ha recentemente assegnato Reeder altri 100.000 dollari di sovvenzione per continuare la sua ricerca e per sostenere programmi di conservazione della FFI.

“La nostra scoperta di questo nuovo genere di pipistrello è un indicatore di come varia la zona ed anche di quanto resta ancora da fare,” ha aggiuntola Reeder.”La comprensione e la conservazione della biodiversità è fondamentale e si può lavorare in diversi ambiti. Conoscere le specie presenti in un territorio consente una migliore gestione ed una migliore salvaguardia dello stesso. Quando queste specie si perdono, la causa è quasi sempre dovuta al cambiamento degli ecosistemi e bisogna capire sempre i motivi. Alla luce di ciò sono convinta che in questa zona sia fondamentale continuare a portare avanti il nostro lavoro.”

Per maggiori informazioni: DM Reeder, Helgen KM, Vodzak ME, Lunde DP, Ejotre I (2013) Un nuovo genere per un raro pipistrello Vespertilionid africano: spunti dal Sud Sudan. ZooKeys 285: 89. doi: 10.3897/zookeys.285.4892

Giornale di riferimento: Zoo Keys

Fornito da Pensoft Editori

Tratto da:

http://phys.org/news/2013-04-striped-badger-genus-south-sudan.html

FOTOGRAFIA:

This image show the beautiful bat species Niumbaha superba. Credit: DeeAnn Reeder,BucknellUniversity

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: