Novità

“Pipistrelli”, di Renato Zero Dove si va Anime inquiete. Dove si ...     Spelaion 2013. Gocce di storia… con uno sguardo speciale ai Chirotteri La speleologia incontra l’archeol ...     Le iniziative di “Tutela pipistrelli” nel 2018 Le iniziative nell’anno 2018 (con ...     “Che cosa si prova a essere un pipistrello?”, di Thomas Nagel La coscienza è ciò che rende vera ...     Il documentario di Alessandra Tomassini e Marco D’Amico Autori: Alessandra Tomassini e Marc ...     Pipistrello, di Alda Merini Nella notte, mago del cielo, in vol ...    

A Nottula, di Angelo Restante

Da Fabio e dagli altri amici dell’Associazione Monte Pellecchia, abbiamo ricevuto, e volentieri pubblichiamo, questa poesia scritta in dialetto civitellese da un poeta originario di Civitella (Angelo Restante)

A Nottula

 

De giorno rencriccata aventru à rotte,

se regge co lu capu a capuione,

e co le scelle che paru so cotte,

s’atturtuglia, nera, che pare un tizzone.

 

Se remittu tutte ransemmerate,

appiccate su come tante pera,

so micche, rosse e pure appena nate

e esciu solamente quanno è sera.

 

Se la vidi volà tu t’addimanni

come fa a volà cusci allu scuru,

senza strorecarese e senza danni,

e penzi “ ecco mo sbatte annu muru”.

 

Quanno che vola pare che ha bivutu,

vola de qua e dellà non va mai ritta,

ma se che pepa de volà a vidutu,

po sta sicuru che è bella che fritta.

 

Se roseca zampane e farfalluni,

e tutte la bistiole che volenno,

pure se non s’appiccianu i lampiuni,

sente,l’azzanna e vola pastichenno.

 

A demà prestu a iscita e sole,

se vau a renzaccà da do so iscite,

loco diligirisciu come mole,

tutte le cose che se so aggliuttite.

 

Le terementi quanno so appusate,

esse alanu roprenno tutta a vocca,

se fau un paru e stinniricate,

s’addormu strette, paru accatastate.

Angelo Restante

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: