Novità

Il pipistrello che usa le piante carnivore come toilet e riparo Il pipistrello lanoso di Hardwicke ...     Il gabbiano che fa scorpacciata di pipistrelli Il filmato di cinque poveri pipistr ...     Il 2011-2012 è l’anno del pipistrello L’Onu ha decretato il 2011 co ...     I pipistrelli Anatomia dei chirotteri Lo sapevate ...     Dalle Antille, i pipistrelli tra mito e realtà I Taìno, popolazione che viveva ne ...     Cuccioli    

A Nottula, di Angelo Restante

Da Fabio e dagli altri amici dell’Associazione Monte Pellecchia, abbiamo ricevuto, e volentieri pubblichiamo, questa poesia scritta in dialetto civitellese da un poeta originario di Civitella (Angelo Restante)

A Nottula

 

De giorno rencriccata aventru à rotte,

se regge co lu capu a capuione,

e co le scelle che paru so cotte,

s’atturtuglia, nera, che pare un tizzone.

 

Se remittu tutte ransemmerate,

appiccate su come tante pera,

so micche, rosse e pure appena nate

e esciu solamente quanno è sera.

 

Se la vidi volà tu t’addimanni

come fa a volà cusci allu scuru,

senza strorecarese e senza danni,

e penzi “ ecco mo sbatte annu muru”.

 

Quanno che vola pare che ha bivutu,

vola de qua e dellà non va mai ritta,

ma se che pepa de volà a vidutu,

po sta sicuru che è bella che fritta.

 

Se roseca zampane e farfalluni,

e tutte la bistiole che volenno,

pure se non s’appiccianu i lampiuni,

sente,l’azzanna e vola pastichenno.

 

A demà prestu a iscita e sole,

se vau a renzaccà da do so iscite,

loco diligirisciu come mole,

tutte le cose che se so aggliuttite.

 

Le terementi quanno so appusate,

esse alanu roprenno tutta a vocca,

se fau un paru e stinniricate,

s’addormu strette, paru accatastate.

Angelo Restante

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: