Novità

“Lui chi è”, a Roma un corso per riconoscere i volatili Quante volte abbiamo creduto di ave ...     Castel di Guido, si firma la convenzione tra CFS e LIPU Una convenzione tra Corpo Forestale ...     Philippine, la bat-caverna con 1,8 milioni di pipistrelli La chiamano bat-caverna e qualcuno ...     Quando uccisi un pipistrello a scopettate! L’altra sera ero a cena con degli ...     Il cruciverba del pipistrello Divo Ti sei appassionato vedendo il docu ...     Un pipistrello per amico. Parte la campagna 2013 Martedi 23 aprile 2013, ore 11.45 M ...    

Noctulambule, un film-reportage sulla Nottola Gigante

Film-reportage di Pascal Gaubert  che ha seguito nel 2013 le squadre EXEN e Auvergne alla ricerca del più grande pipistrello d’Europa, la Nottola maggiore (Noctula lasiopterus) nel Puy de Dôme. A seguito della scoperta con il metodo di ricerca EXEN di un primo parto avvenuto il 28 giugno 2012, si è tornati nel 2013 nello stesso luogo per  ricercare la colonia e per confermare al contempo l’efficacia del nuovo metodo “EXEN” che prevedeva la ricerca dei rifugi con un metodo non invasivo.  Tutto ciò è stato anche molto utile per conoscere meglio la biologia della specie, stimando la data del parto e poi per capire meglio l’attività notturna della Nottola gigante attraverso un’operazione di telemetria.

I risultati dello studio hanno contestato alcune iniziali conoscenze sull’ecologia della specie in Europa, e in particolare tra di loro, come l’ipotesi di segregazione altitudinale di maschi e femmine durante il parto (un’ipotesi che si basa sull’influenza delle condizioni climatiche ed in particolare la temperatura).

A più di 1000 m sul livello del mare, le colonie scoperte ad Auvergne,  confermerebbero invece l’importanza di una dieta particolare o l’opportunità di avere una rete molto vasta di case sugli alberi (più di 80 case di picchio nero) che permettevano loro di cambiare ogni  giorno. In due anni di monitoraggio, si è osservato che questi cambiamenti di rifugi erano  giornalieri e coinvolgevano gruppi di pipistrelli in volo sulla cima di una collina, sempre la stessa, ad ogni inizio e fine notte.

A fine della notte, questi  incontri rappresentavano  anche l’occasione per un studiare un comportamento  sociale  che prevede la convergenza del gruppo verso un luogo prestabilito scelto dai pipistrelli per la giornata successiva.

Molte domande restano però ancora senza risposta, ovvero sul ritmo delle attività notturne, sulle aree vitali, le altezze di volo, il cibo, le modalità di partecipazione dei diversi individui nel gruppo e su altre nozioni inerenti l’organizzazione intersociale del  gruppo.

In breve, comunque, siamo in presenza di un campione di belle immagini in penombra che racchiudono il lavoro di alcuni giorni di appassionati chirotterologi… ma le immagini rappresentano solo una parte dell’iceberg del mondo della  ‘Nottola gigante’

Buona visione.

Noctulambule from Yannick Beucher on Vimeo.

http://vimeo.com/90000320

 

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: