Novità

Il cruciverba del pipistrello Divo Ti sei appassionato vedendo il docu ...     Un pipistrello per amico. Parte la campagna 2013 Martedi 23 aprile 2013, ore 11.45 M ...     PRIMO ALLATTAMENTO DI UN PIPISTRELLO Come allattare per la prima volta u ...     Il pipistrello nei dialetti d’Italia (di Francesco Granatiero) Diversam ...     Al Bioparco di Roma tornano i weekend con i pipistrelli Tornano i weekend al Bioparco dove ...     Il pipistrello poeta, di Randall Jarrell “Il pipistrello poeta” è un pi ...    

Rossetti Egiziani, perchè non comprarli

Quali sono i motivi per non comprare i ROSSETTI EGIZIANI (Rousettus aegyptiacus)?

Spesso veniamo contattati per sapere se è possibile vendere pipistrelli. Ricordiamo che tutti i pipistrelli italiani sono protetti ed è illegale venderli e detenerli in cattività, ma il Rossetto egiziano (Rousettus aegyptiacus) invece può essere venduto se ha tutte le certificazioni CITES in regola.

rossetto 2Non è sempre possibile verificare la vera provenienza degli individui comprati, e questo già è un problema (ed è per questo che ci sono i certificati CITES)…ma anche se parliamo di individui nati in cattività i loro bisogni primari rimangono quelli degli individui nati liberi: socialità e spazi adeguati in primis.

Comprare un pipistrello e farlo vivere tutta la vita in una gabbia da solo è, secondo noi, crudele. I rossetti egiziani, come praticamente tutte le specie di pipistrello (oltre 1300) sono animali estremamente sociali, loro vivono in gruppi che vanno da un minimo di 50 a 4000 individui. E’ un pipistrello che non può entrare in torpore e quindi non va in letargo, e i periodi freddi li supera stando a stretto contatto con altri individui della sua specie. Come tutti i pipistrelli le interazioni sociali che avvengono possono anche sembrare un po’ brusche: si spingono, si danno delle ‘alate’ (tipo noi che ci diamo una spinta) e anche morsi, ma è semplicemente il loro modo di comunicare, di mettersi d’accordo sulle ‘controversie’, che sia il posto dove dormire piuttosto cosa mangiare.

E’ un grande volatore spostandosi ogni notte anche di molti chilometri (10-30), e pensate quanto sia innaturale per lui stare in una gabbia. E può anche compiere migrazioni che arrivano fino a 500 km.

rossetto 1Quindi se proprio lo volete acquistare intanto non lasciatelo da solo ma prendente diversi individui e poi cercate di dedicare un’ampia struttura per soddisfare almeno le esigenze minime di spazio: deve poter volare e sgranchirsi, non può stare rinchiuso in una gabbia che non gli permette neanche di aprire le ali.

Nonostante siamo contrari alla vendita, diamo supporto e informazioni a chiunque le richieda e siamo disponibili a prendere individui che non possono più essere detenuti o che sono maltrattati.

Qualsiasi info contattateci a

tutelapipistrelli@gmail.com

o al 339 3605949

6 Commenti

  1. Mauro B. Longo

    Io ho avuto un Rousettus, una femmina, per circa quattro anni, e me ne sono pentito molto.

    È stato parecchi anni fa, nel 1998.

    Anzitutto, il negozio da cui la presi ne aveva due, maschio e femmina, e presi solo lei. Ha vissuto quei quattro anni in solitudine, un animale gregario come pochi altri. Solo a ripensarci mi prende un orrendo senso di colpa.

    Inoltre non era nata in cattività, era stata catturata, se ricordo bene a Cipro. Doveva essere infelicissima, (se si può dire così di un mammifero con poca capacità di astrazione), come una reclusa in esilio!

    Ovviamente non si è mai affezionata a me, perchè avrebbe dovuto? Si è solo abituata.

    Ogni tanto volava nell’ appartamentino in cui abito, dalla sua gabbietta allo scolapiatti. E basta, non è che potesse fare molto di più. Lei che probabilmente volava per kilometri ogni notte assieme a tanti suoi consimili.

    Basta così, non voglio manco più parlarne. Non alimentate il mercato dei Rousettus. A meno che non abbiate una voliera e ne compriate tanti assieme, nati in cattività. Una voliera è ben poco per loro, ma liberi in Italia soccomberebbero, immagino.

    (O forse no? Se penso che a Roma abbiamo ormai stabilmente una grossa popolazione di pappagalli…)

  2. Mario Esposito

    Buonasera, abito in periferia a Roma in appartamento con giardino nel quale ci sono alberi ventennali quali pino mediterraneo, ulivo, gelso e cipresso. Vorrei acquistare un casetta per pipistrelli in quanto sono infestato dalle zanzare. Potete consigliarmi in merito su cosa fare. Ad esempio che tipo di bat-box occorre, dove istallarla e come istruirmi in materia.
    Grazie. Mario

  3. Luca

    Ciao a tutti
    Anch’io al momento tengo da 4 5 mesi un rossetto e ed e un animale che sta bene non da solo e neppure in coppia, ho sbagliato a comprarlo, ha molto bisogno di volare e per una coppia e un singola almeno a bisogno di una voliera 5x5x5 metri e poi comunque sono animali che anno bisogno di stare in gruppi e come prendere un delfino e lasciarlo da solo in una vasca da bagno, adesso sono due mesi che voglio liberarmene ed sto smuovendo mezza Italia per trovare una struttura zoofila dove posso metterlo in compagnia con altri suoi simili, per farlo volare io lo lascio libero per la camera ed non e una cosa igienica visto che sono come i ratti e sporcano tantissimo, non sono animali che e possibile detenere, dovrebbero vietare la detenzione perché ogni suo bisogno va contro la normale vita casalinga, ora GLio ceduto la camera completamente e appena mene libero devo buttare via tutti i mobili e il letto e riverniciare la camera. So che ho sbagliato io a comprarlo ma il negoziante non mi aveva detto che soffriva in gabbia e sono stato io a CAPIRLO e cercare di farlo stare meglio possibile, al costo si dover dormire sul divano da mesi, molte volte in disperazione avevo la voglia di aprire la finestra alla fine la mia bontà ha sempre prevalso. Non prendeteli e non lo dico perche sono un animalista fegatato anzi sono un allevatore di rettili.

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: