Novità

Vlad e Zora, una “bella” storia di pipistrelli da raccontare ai bimbi Ciao bambini, Liliana ed io vogliam ...     Dalle Antille, i pipistrelli tra mito e realtà I Taìno, popolazione che viveva ne ...     Cuba, scoperta pianta che segnala la sua presenza ai pipistrelli Una pianta cubana che dipende dai p ...     Corso base di Birdwatching dal 5/04/2013 al CHM-LIPU di Ostia Il corso e’ articolato su 5 lezio ...     Gli animali ci insegnano il comportamento sociale Gli animali ci insegnano il comport ...     Prossimi appuntamenti Festival, convegni e seminari con p ...    

Le turbine eoliche mettono a rischio anche i pipistrelli

Le turbine eoliche possono rappresentare un pericolo per uccelli e pipistrelli, almeno se la loro collocazione non viene pianificata al meglio. Il dato emerge da una serie di studi realizzati su parchi eolici installati in Spagna e in California nel corso degli anni ’80. Secondo le ricerche, pubblicate sul sito del Guardian, in prossimità degli impianti sono stati registrati numeri anomali di morti nelle popolazioni di 6 specie di rapaci, inclusi aquile e avvoltoi.
Gli animali, in effetti, potrebbero essere stati falciati dalle pale eoliche. Gli uccelli sono quelli che corrono i rischi maggiori, anche se una corretta pianificazione prima della realizzazione dei lavori può ridurre in modo significativo il pericolo di abbattimento incidentale dei volatili.
Il numero di decessi legato alla presenza di turbine, in ogni caso, resta comunque trascurabile rispetto ad altre cause di origine antropica. Secondo il Centre of Sustainable Energy (CSE) di Bristol, in Inghilterra, per ogni uccello ucciso da una turbina eolico ce ne sono in media 5.820 che muoiono a causa della presenza di edifici che li traggono in inganno, in genere vetrate:
Le turbine eoliche – scrive il CSE – rappresentano una frazione insignificante del numero totale di decessi di uccelli causati da oggetti artificiali o attività umane come strutture edilizie, linee di trasmissione dell’energia e gatti domestici.
Per escludere ogni rischio, comunque, occorre fare sempre molta attenzione nella pianificazione di un parco eolico, evitando ad esempio di scegliere aree troppo vicine alle rotte migratorie principali o a siti importanti per l’alimentazione e la nidificazione di specie a rischio. Anche l’eventuale presenza di pipistrelli va considerata nella valutazione dell’impatto, dal momento che i chirotteri sembrano subire, in presenza di turbine, il fenomeno del “barotrauma”, una sensazione di disorientamento causata dai rapidi cambiamenti della pressione dell’aria creati dalle lame rotanti.
In Gran Bretagna, il Centre of Sustainable Energy vaglia ogni anno centinaia di domande per l’installazione di parchi eolici e circa il 6% dei progetti risulta inaccettabile perché mette a rischio popolazioni di uccelli e pipistrelli. Ulteriori ricerche, precisa il CSE, saranno comunque necessarie nei prossimi anni per chiarire definitivamente la natura dell’impatto su volatili e chirotteri da parte delle turbine.

Tratto da: http://www.nanopress.it

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: