Novità

Le iniziative di “Tutela pipistrelli” nel 2013 Le iniziative nell’anno 2013 ...     Come si diventa socio Come diventare Socio di “Tutela p ...     Al via a Roma il corso per addetti stampa nel settore ambientale Mobilità sostenibile, le vittime d ...     “Che cosa si prova a essere un pipistrello?”, di Thomas Nagel La coscienza è ciò che rende vera ...     Qua le zampe! Gli animali domestici entrano in classe Cosa mangia un cane? Quali sono i s ...     Alessandra Tomassini, una vita per i pipistrelli di Marco D’Amico – A co ...    

“Perchè i pipistrelli volano di notte”, fiaba africana

Tanto tempo fa, gli uccelli avevano cominciato a non andare d’accordo con tutti gli altri animali: litigavano spesso e si facevano molti dispetti.

I pipistrelli, in tutta questa confusione, non sapevano da che parte stare, perché, come sapete, essi hanno le ali come gli uccelli, ma i denti come gli altri animali.
Ma visto che simpatizzavano per gli uccelli, i pipistrelli, infine, scelsero di stare dalla loro parte.
Gli uccelli, però, non li volevano vicino, perché li consideravano diversi da loro.
“Non avete il becco e avete i denti!” – dicevano.
“Ma abbiamo le ali!” – specificavano i pipistrelli.
Dopo alcune insistenze, gli uccelli li accettarono.

Nella guerra che si era scatenata, gli altri animali ebbero la meglio.
I pipistrelli volarono da loro perché erano i vincitori.
“Noi siamo dalla vostra parte!” – dissero i pipistrelli.
“Voi non siete animali, come noi: siete uccelli, perché avete le ali!” – risposero leoni ed elefanti che comandavano i vincitori della guerra.
“Guardate i nostri denti: sono come i vostri!” – replicarono i pipistrelli e mostrarono i piccoli canini.
Ma gli animali li cacciarono ugualmente.
Anche gli uccelli non li vollero più dalla loro parte perché si erano comportati da traditori.

Senza nessun gruppo al quale unirsi, i pipistrelli restarono soli, tristi e vergognati: allora cominciarono ad evitare di mostrarsi durante il giorno e decisero di volare e cacciare soltanto di notte.

Ed anche oggi fanno ancora così…

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: