Novità

Il periodo invernale Cosa accade ai chirotteri italiani ...     A Cavezzo (Mo), una serata con i cani per il terremoto Mentre nei paesi emiliani duramente ...     S.O.S. del Cts. Nel Mediterraneo muoiono 100mila tartarughe all’anno Le tartarughe marine stanno scompar ...     Le iniziative di “Tutela pipistrelli” nel 2018 Le iniziative nell’anno 2018 (con ...     Roma, vi aspettiamo per conoscere i pipistrelli tutti i weekend al Bioparco Dopo gli incontri di ottobre e nove ...     Un bat-regalo per i nostri sostenitori In questa giornata in cui ormai è ...    

A Nottula, di Angelo Restante

Da Fabio e dagli altri amici dell’Associazione Monte Pellecchia, abbiamo ricevuto, e volentieri pubblichiamo, questa poesia scritta in dialetto civitellese da un poeta originario di Civitella (Angelo Restante)

A Nottula

 

De giorno rencriccata aventru à rotte,

se regge co lu capu a capuione,

e co le scelle che paru so cotte,

s’atturtuglia, nera, che pare un tizzone.

 

Se remittu tutte ransemmerate,

appiccate su come tante pera,

so micche, rosse e pure appena nate

e esciu solamente quanno è sera.

 

Se la vidi volà tu t’addimanni

come fa a volà cusci allu scuru,

senza strorecarese e senza danni,

e penzi “ ecco mo sbatte annu muru”.

 

Quanno che vola pare che ha bivutu,

vola de qua e dellà non va mai ritta,

ma se che pepa de volà a vidutu,

po sta sicuru che è bella che fritta.

 

Se roseca zampane e farfalluni,

e tutte la bistiole che volenno,

pure se non s’appiccianu i lampiuni,

sente,l’azzanna e vola pastichenno.

 

A demà prestu a iscita e sole,

se vau a renzaccà da do so iscite,

loco diligirisciu come mole,

tutte le cose che se so aggliuttite.

 

Le terementi quanno so appusate,

esse alanu roprenno tutta a vocca,

se fau un paru e stinniricate,

s’addormu strette, paru accatastate.

Angelo Restante

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: