Novità

Il “Pipistrello d’oro”, il premio del Fantafestival di Roma Tanti i titoli che verranno proiett ...     Marco Lambertini nuovo Direttore Generale di WWF Internazionale Da volontario Lipu negli anni ̵ ...     “Che cosa si prova a essere un pipistrello?”, di Thomas Nagel La coscienza è ciò che rende vera ...     Al parco Albanese (Mestre), la notte Europea del Pipistrello 2012 La notte europea del pipistrello è ...     “Un Natale per la natura”, LIPU in piazza l’1 e il 2 dicembre Un Natale per la Natura” torna sa ...     Che ricordi quei pipistrelli sul Tevere! Amo anche io i pipistrelli che cent ...    

Pipistrelli, gli antichi romani li inchiodavano sulle porte

Nell’antica Roma i pipistrelli venivano inchiodati alla porta di casa per difendersi dalle streghe e dalle malattie. Infatti, si credeva a quel tempo che la loro presenza silenziosa segnalasse l’arrivo di una disgrazia o di una grande tempesta.
Questi mammiferi crepuscolari da sempre sono accompagnati da pregiudizi o da credenze mistiche che oggi possono sembrare assurde. Le loro abitudini, il loro aspetto e la capacità di volare con destrezza anche nel buio totale hanno nutrito la fantasia popolare e si associano all’ancestrale paura del buio, della notte e della morte. Per millenni è sembrato incomprensibile e inquietante per l’uomo, animale per natura diurno e capace di orientarsi grazie alla vista, come i pipistrelli fossero in grado di spostarsi silenziosamente attraverso le tenebre. Da qui si è subito collegato il pipistrello con le forze magiche e delle tenebre. Per questo motivo il diavolo è sempre stato raffigurato con le ali da pipistrello e gli angeli con candide ali di uccello.

Tratto da: http://www.eniscuola.net

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: