Novità

Consigli su installazione delle bat box   Queste due fotografie mostra ...     “Lui chi è”, a Roma un corso per riconoscere i volatili Quante volte abbiamo creduto di ave ...     Contatti “Tutela Pipistrelli” &# ...     Chi Siamo “Tutela Pipistrelli” è un’as ...     Un romanzo da leggere… tutto d’un fiato! “Tutto naturalmente in un’e ...     Alla Parsec, una bat night per conoscere i pipistrelli Due appuntamenti, Venerdì 1 agosto ...    

Come far recuperare i piccoli dalle mamme

Se si trova un neonato la prima cosa da fare è raccoglierlo e dargli acqua.
Poi si controlla lo stato di salute cercando di capire se è un piccolo debilitato o no

AD AGOSTO NON CI SONO PICCOLI QUINDI NON TENTATE DI FARE IL RECUPERO DA PARTE DELLA MAMMA perché ormai è adulto

Se il piccolo è in salute allora la miglior cosa da fare è cercare di farlo recuperare dalla mamma. E’ molto probabile che la notte la mamma lo vada a riprendere. Bisogna però fare le cose in modo adeguato e cercando di garantire la sopravvivenza del piccolo e la buona riuscita del recupero.

In piccolo deve restare fuori per tutta la notte: le mamme infatti solitamente lo recuperano a notte inoltrata, anche alle 4.30 del mattino, il giovane non verrà mai recuperato durante il giorno. Durante le ore della giornata il giovane deve essere tenuto in una scatola e deve essere nutrito (l’odore delle vostre mani non impedirà alla femmina di andare a raccogliere il pipistrello).

Quello che consigliamo è di costruire una struttura che permetta di non perdere il pipistrellino cucciolo (sono molto piccoli ed è facile che si nascondano e non si ritrovino più) e, nello stesso tempo, aiutare la madre a riprenderlo.
Per osservazioni dirette e ripetute pensiamo che la cosa migliore sia usare una grande bacinella in cui nel mezzo c’è una struttura leggermente più alta dei bordi della bacinella, sopra questa ‘torretta’ ci può essere una borsa dell’acqua calda che permette al piccolo di non sentire troppo il freddo della notte e il tutto  deve essere rivestito con un panno in modo tale che il piccolo possa arrampicarsi senza problemi, ma nello stesso tempo il panno non deve fare delle pieghe che consentano al pipistrello di nascondersi e non farsi trovare.

Questa struttura deve essere poggiata su un tavolino, o se ci sono pericoli di gatti, può essere poggiata su lo stendino dei panni. La mamma solitamente per recuperare il piccolo fa dei grandi voli di forma circolare intorno al piccolo (per questo deve essere sovraelevato e per questo non ci devono essere ostacoli come piante, o ringhiere ad ostacolare il volo della madre) per poi posarsi e prendere il proprio piccolo e poi riprendere il volo.

Osservazione interessante è che i tentativi possono essere fatti per 2 o 3 notti consecutive, poi è inutile.

Invitiamo tutti i centri recupero e i privati o i ricercatori che si occupano di pipistrelli a dare queste informazioni agli utenti e, auspichiamo, a citare la fonte.

tavolino con spiegazioni recupero

bacinella con piccolo

3 Commenti

  1. Cristiana

    Bellissimo articolo illuminante e utile.

  2. rossana

    Grazie

  3. Maurizio

    Grazie !

Leave a Reply to Cristiana Click here to cancel reply.

Con il patrocinio gratuito di: