Novità

Il manuale operativo per conoscere i Chirotteri italiani Linee guida per il monitoraggio dei ...     Modelli di bat box In questi ultimi anni sta prendendo ...     Le balene cacciano come i pipistrelli Le balene hanno molto in comune con ...     Tatoo, il significato del pipistrello nel tatuaggio Oscurità, Morte, Felicità, Fortun ...     Pipistrellus kuhlii, una testa più grande per mangiare meglio Di fronte a prede molto più grosse ...     Cinema e pipistrelli. La saga dei “pipistrelli-vampiro” Un’unità scelta della Guardia Na ...    

Dalle Antille, i pipistrelli tra mito e realtà

I Taìno, popolazione che viveva nelle Antille (Cuba, Hispaniola, Puerto Rico) vedevano i pipistrelli come “uccelli della notte”.

I Taìno associavano i pre-umani ai pipistrelli. Questi animali rappresentavano fisicamente e simbolicamente gli spiriti dei propri cari defunti e li chiamavano “cemìs” guide spirituali.

In un mito sulle origini dei Taìno, raccolto da Frate Ramòn Pané, nell’isola di Kiskeya (attuale Hispaniola) c’era una grotta chiamata Cacibayagua nella quale vivevano i pipistrelli, dalla quale uscivano soltanto di notte per mangiare i frutti di guayaba (in un altra versione mangiavano frutti di jobos, frutti simili a fichi).

Una notte pare che i frutti di guayaba fossero particolarmente dolci e che i pipistrelli stessero ancora mangiandoli, trattenendosi fuori dalla grotta, quando spuntò Gùey, il sole.

I pipistrelli non fecero in tempo a raggiungere Cacibayagua e si trasformarono in esseri umani e che ritornano pipistrelli soltanto dopo la morte e durante il dì.

Durante la notte, sono “opìas”, spiriti che somigliano a esseri umani, ma senza ombelico, che vagano per la terra cercando amanti.

In un altra versione della leggenda, i pipistrelli allo spuntare del sole si trasformarono in alberi di jobo

A cura di Lorenzo Corradini

 

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: