Novità

Raduno Internazionale di Speleologia dal 1 al 4 Novembre 2012 L’incontro di Spelaion 2012 è un ...     Pipistrello, di Alda Merini Nella notte, mago del cielo, in vol ...     S.O.S. del Cts. Nel Mediterraneo muoiono 100mila tartarughe all’anno Le tartarughe marine stanno scompar ...     Festambiente 2012, un successo che si riconferma È stato il coinvolgente concerto d ...     Ho trovato un pipistrello. Che fare? (scambio di mail)   NON DARE LATTE IN POLVERE PE ...     Come decolla un pipistrello? Uno studio ai raggi X Un gruppo di biologi della Brown Un ...    

COSA MANGIANO I PIPISTRELLI?…

…italiani!

Abbiamo deciso di fare questa pagina perché troppo spesso ci capita di sentire persone che hanno trovato un pipistrello in difficoltà e gli hanno dato frutta da mangiare.

Quando stupìti chiediamo il perché ci viene risposto: l’ho trovato su internet!

E allora siamo qui per darvi delle spiegazioni!

I pipistrelli italiani sono tutti insettivori, si nutrono di artropodi!

Abbiamo, sempre in Italia, qualche specie che integra la sua dieta anche con pesci (Myotis capaccinii, Myotis daubentonii) chioccioline prese direttamente da terra (Eptesicus serotinus) e piccoli vertebrati come uccellini (Nycatuls lasiopterus)

Ma cosa dare da mangiare al pipistrello ritrovato? Non dare da mangiare gli insetti che avete a casa! Non sapete se è il cibo idoneo per loro (ci possono essere insetti tossici che noi non sappiamo distinguere) e comunque non riusciremmo mai a catturane quanti ne servono per loro (mangiano diversi grammi di insetti, e per quante zanzare possiate avere in casa sarà difficile arrivare anche solo ad un grammo di zanzare).

Quindi chiamate un esperto perché quando si ritrova un pipistrello bisogna valutare moltissimi fattori e darvi delle ricette universali sarebbe poco professionale da parte nostra, l’unica cosa che si può dare in quasi tutti i casi è l’acqua! Perché scriviamo in quasi? Perché se lo avete raccolto dalla piscina o da un contenitore con dell’acqua non è il caso di fornirgliene altra!!

In generale possiamo dire che gli adulti in cattività sono nutriti con le camole della farina (Tenebrio mollitor), mentre i neonati con un particolare latte in polvere, solo per emergenze cioè per non più di due giorni, ai neonati (cioé gli animali ritrovati nudi, senza peli) si può dare latte di capra intero.

Ci è capitato di ascoltare persone che affermavano che il pipistrello aveva mangiato volentieri la frutta (di tutto banana, melone, cocomero, fragola, pesca, mela, kiwi…insomma ne abbiamo sentite di tutti i colori!), c’è una ‘semplice’ spiegazione: il pipistrello aveva sete, tremendamente sete.

Perché su internet c’è scritto che i pipistrelli mangiano frutta? Semplice: nel mondo esistono oltre 1375 specie diverse di pipistrelli, molte delle quali mangiano frutta. Le specie che mangiano frutta sono solitamente le più carine e le più grandi, quelle con cui è più facile interagire e quelle che, ahìnoi, sono le più commercializzate. Altre specie però si nutrono di altri vertebrati (volanti, terrestri, acquatici), di nettare, di artropodi (insetti, crostacei, aracnidi)…insomma la dieta delle specie che compongono l’ordine dei Chirotteri, varia molto!!

Quindi non date da mangiare frutta, non date pane, non date nulla fino a quando non avete sentito un esperto!

 

Pipsitrellus kuhlii mentre viene nutrito con una camola della farina (Tenebrio mollitor)

 

Leave a Reply

Con il patrocinio gratuito di: